Il DPR del 28/03/2013 ha dato alla scuola italiana il REGOLAMENTO SUL SISTEMANAZIONALEDIVALUTAZIONE e previsto nell’AS 2014-2015 la compilazione di un RAPPORTO DI AUTOVALUTAZIONE e nell’AS2015-16l’implementazione di un PIANO DIMIGLIORAMENTO a partire dall’individuazione delle priorità emerse. In attesa di pubblicazione a livello nazionale dei RAV, si presentano TRAGUARDI ed OBIETTIVIDI PROCESSO.

In coerenza con le linee guida definite dal MIUR, si vuole introdurre un modello di processo didattico innovativo che utilizzi metodologie attive e tecnologie digitali, per raggiungere gli obiettivi prioritari di miglioramento dell’istituto. Qualsiasi modello didattico venga assunto deve avere come méta primaria il successo formativo dell’alunno e orientare gli itinerari scelti verso metodologie didattiche innovative più funzionali allo sviluppo di capacità dirette a esplorare, classificare fenomeni, definire questioni e problemi, stabilire e comprendere connessioni, costruire nuovi scenari interpretativi e progettare soluzioni. Un tipo di processo didattico innovativo che utilizzi le tecnologie digitali può garantire un apprendimento di tipo personalizzato, autonomo e soprattutto collaborativo. La scuola persegue un progetto metodologico didattico in cui ogni alunno diventa protagonista della propria formazione tenendo conto che non esiste un unico tipo di intelligenza ma ognuno ha un proprio “stile di apprendimento”.

METODOLOGIE DIDATTICHE

Le attività didattiche saranno progettate per mettere lo studente in condizione di formulare le proprie ipotesi, progettare e sperimentare, argomentare le proprie scelte, imparare a raccogliere dati e a confrontarli con le ipotesi formulate. In quest’ottica nell’Istituto si vogliono sperimentare strategie didattiche innovative: Apprendimento partecipato o Cooperative Learning, Classe Capovolta o FlippedClassroom, 

A supporto dei docenti, si prevedono dei corsi di formazione che li preparino ad attuare la didattica innovativa ed in particolare a realizzare delle unità didattiche interattive, per stimolare e accompagnare i ragazzi verso l’utilizzo efficiente e responsabile delle risorse e assicurare un apprendimento produttivo.

 

Obiettivi generali del piano di miglioramento:

 

  •         trasformare l’istituzione scolastica da scuola del programma a scuola dell’offerta
  •         servizi educativi idonei ai servizi formativi dell’utenza
  •         servizi di segreteria adeguati alle specifiche esigenze
  •         utilizzo ottimale delle risorse umane e professionali, con la promozione dell’iniziativa del singolo e del gruppo docente in iniziative stimolanti e creative.
  •         Partecipazione a reti scuole che valorizzino il principio dell’ interscambio e della cooperazione diffusa

 

Priorità, traguardi ed obiettivi

  •          Il presente Piano parte dalle risultanze dell’autovalutazione d’istituto, così come contenuta nel Rapporto di Autovalutazione (RAV), pubblicato all’Albo elettronico della scuola e presente sul portale Scuola in Chiaro del Ministero dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca, dove è reperibile all’indirizzo:

http://cercalatuascuola.istruzione.it/cercalatuascuola/istituti/MIRC300004/kandinsky/

  •          In particolare, si rimanda al RAV per quanto riguarda l’analisi del contesto in cui opera l’istituto, l’inventario delle risorse materiali, finanziarie, strumentali ed umane di cui si avvale, gli esiti documentati degli apprendimenti degli studenti, la descrizione dei processi organizzativi e didattici messi in atto.
  •          Si riprendono qui in forma esplicita, come punto di partenza per la redazione del Piano, gli elementi conclusivi del RAV e cioè: Priorità, Traguardi di lungo periodo, Obiettivi di breve periodo.
  •          Le priorità che l’Istituto si è assegnato per il prossimo triennio sono:
  •          Aumentare il numero di promossi nelle classi prime.
  •          Diminuire il numero di giudizi sospesi nelle discipline inglese e matematica
  •          Migliorare i risultati nelle prove standardizzate di matematica
  •          Migliorare le competenze sociali e civiche (il comportamento disciplinare degli studenti,il rispetto delle regole, il senso di responsabilità.) Migliorare il monitoraggio degli esiti degli studenti.

 

  •          I traguardi che l’Istituto si è assegnato in relazione alle priorità, sono: Interventi orientativi e di recupero in itinere Ampliare la didattica digitale.
  •          Interventi di recupero in itinere e con sportello Ridurre il gap tra il nostro Istituto e la media nazionale.
  •          Diminuire il numero di sanzioni disciplinari.
  •          Creare una banca dati che monitori a distanza di 2/3 anni gli studenti che hanno trovato un'occupazione inerente all'indirizzo scelto.
  •          E le motivazioni della scelta effettuata sono le seguenti:
  •          L'istituto per quanto riguarda le competenze chiave di cittadinanza in relazione alle competenze matematiche e digitali vede la necessità di intraprendere un percorso per la definizione degli elementi ritenuti indispensabili per programmare, monitorare e valutare tali competenze.
  •          Gli obiettivi di processo che l’Istituto ha scelto di adottare in vista del raggiungimento dei traguardi sono:
  •          Avviare un processo sulla valutazione degli apprendimenti con attenzione alla valutazione delle competenze matematiche e digitali.
  •          Definire prove comuni per classi parallele, almeno nella classe seconda, nelle materie comuni.
  •          Potenziare l’organico attraverso l’individuazione di una figura docente tutor di informatica, di matematica, di lingua inglese e di L2
  •          Individuare percorsi di formazione per i docenti sulle nuove tecnologie per uso gestionale e didattico.
  •          Raggiungere un uso condiviso degli strumenti informatici a uso didattico.
  •          Definire un orario in cui tutte le classi possono accedere ai laboratori di PC1 e PC2, utilizzare aule dotate di apple-tv per una didattica innovativa
  •          Proseguire il progetto stranieri con l'attivazione di corsi L2
  •          Ampliare l'utilizzo degli strumenti digitali per gli studenti BES
  •          Proseguire valorizzando le proposte di continuità nell'orientamento in uscita con le università e i percorsi post-diploma.
  •          Migliorare la comunicazione con i referenti dell'orientamento delle scuole medie.
  •          Realizzare le condizioni affinché tutti i docenti e il personale della segreteria utilizzino il registro elettronico
  •          Procedere alla revisione del Sito web della Scuola
  •          Incentivare percorsi formativi di qualità,promuovendo la collaborazione tra pari, valorizzando docenti per percorsi di autoformazione
  •          Proseguire valorizzando la partecipazione a reti e collaborazioni con soggetti esterni per migliorare l'offerta formativa e l'alternanza scuola lavoro
  •          Rendere attivo il registro elettronico come strumento di comunicazione con le famiglie

 

Riepilogando, in sintesi, l'Istituto per quanto riguarda le competenze chiave di cittadinanza ritiene prioritario sviluppare le competenze matematiche e digitali, intraprendendo un percorso per la definizione degli elementi ritenuti indispensabili per programmare, monitorare e valutare tali competenze. Per avviare questo processo si ritiene importante riflettere sulla valutazione degli apprendimenti, definendo prove comuni per classi parallele e percorsi di formazione; potenziare l’organico attraverso l’individuazione di figure docenti tutor di informatica, di matematica’ di lingua inglese per individuare percorsi di formazione per i docenti sulle nuove tecnologie, per un uso gestionale e didattico; potenziare il progetto per gli stranieri (L2) per favorire una maggiore inclusione, dato l'alto numero di stranieri inseriti nella scuola; definire un orario in cui tutte le classi possano accedere ai laboratori di PC1 e PC2 o utilizzare aule dotate di apple-tv per una didattica innovativa. Si ritiene anche prioritario procedere alla revisione del Sito web e completare l'attivazione del registro elettronico per migliorare la comunicazione con le famiglie

Scelte conseguenti ai risultati delle prove INVALSI

L’analisi compiuta nella sezione 2.2. del RAV (Risultati di apprendimento nelle prove standardizzate nazionali di Italiano e Matematica) ha messo in luce i seguenti punti di forza:

-        l'Istituto nelle prove standardizzate di italiano si colloca in una posizione che risulta essere in linea con i risultati ottenuti dalle altre scuole professionali;

-        la scuola ogni anno individua un referente per l'organizzazione delle prove che insieme alla presidenza garantisce uno svolgimento corretto delle prove.

Risulta invece, come punto di debolezza:

-        l'Istituto nelle prove standardizzate di matematica si colloca in una posizione inferiore rispetto ai risultati ottenuti dalle altre scuole professionali.

La scuola ritiene affidabile il dato emerso poiché l'organizzazione della somministrazione delle prove INVALSI, al Kandinsky è molto attenta ad evitare comportamenti opportunistici, inoltre questi dati sono in linea con il numero di sospensioni del giudizio proprio in questa disciplina. Non si registrano invece disparità rilevanti fra le classi.  

Gli insegnanti del Kandinsky, pur reputando che le prove standardizzate presentino notevoli limiti come strumento di valutazione, trascurando importanti aspetti della didattica non valutabili con tali test (in particolare le cosiddette life skills, fra le quali, ad esempio la creatività, la formazione etica, il senso critico, l’autoconsapevolezza, nonché le competenze di tutte le discipline che ne sono escluse), ritengono  che le prove Invalsi abbiano un parziale valore nella misurazione di altre competenze e conoscenze e possano quindi essere prese in considerazione come stimolo per cercare di migliorare il lavoro con gli studenti.

A tale proposito il piano di miglioramento prevede un incremento dei risultati dell’area matematica anche mediante l’utilizzo  dei docenti richiesti nell’organico di potenziamento.

 

 

 

                

Fabbisogno di personale docente corsi diurni

posti comuni 

A007

ARTE DELLA FOTOGRAFIA E GRAFICA PUBBLICITARIA

4 catt + 9h

A013

CHIMICA

14 h

A017

DISCPLINE ECONOMICHE E AZIENDALI

2 catt

A019

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE

2 catt + 9 h

A024

DISEGNO E STORIA DEL COSTUME

1 catt + 6 h

A025

DISEGNO E STORIA DELL'ARTE

13 h

A029

ED FIS

3 catt + 4 h

A031

ED. MUSICALE

4 h

A036

FILOSOFIA PSICOL E SCIENZA DELL'EDUCAZ

3 catt + 9 h

A038

FISICA

16 h

A039

GEOGRAFIA

6 h

A040

IGIENE ANAT FIS PAT

1 catt + 10 h

A042

INFORMATICA

16 h

A047

MAT

5 catt + 8 h

A050

LETTERE

9 catt + 6 h

A060

SCIENZE

1 catt + 6 h

A061

STORIA DELL'ARTE

14 h

A070

TECNOLOGIE TESSILI

21 h

A346

INGLESE

5 catt

A446

SPAGNOLO

1 catt + 11 h

A546

TEDESCO

1 catt + 11 h

C070

ESERC ABBIGLIAMENTO MODA

2 catt + 15 h

C240

LAB.CHIMICA

7 h

C290

LAB.FISICA

3 h

C450

METODOLOGIE OPER SERV SOC

1 catt + 4 h

C490

REP LAV ARTI FOTOGRAFICHE

1 catt + 6 h

 

L’organico dei posti comuni si basa sull’attuale organico e non tiene conto delle possibili variazioni, compresa l’attivazione di eventuali classi dei percorsi IeFP.

posti di sostegno

17 cattedre

 

Fabbisogno di personale docente corsi IDA

posti comuni 

A007

ARTE DELLA FOTOGRAFIA E GRAFICA PUBBLICITARIA

1 catt + 6h

A017

DISCPLINE ECONOMICHE E AZIENDALI

13 h

A019

DISCIPLINE GIURIDICHE ED ECONOMICHE

9 h

A025

DISEGNO E STORIA DELL'ARTE

6 h

A036

FILOSOFIA PSICOL E SCIENZA DELL'EDUCAZ

20 h

A040

IGIENE ANAT FIS PAT

12 h

A047

MATEMATICA

1 catt

A050

LETTERE

1catt + 14 h

A346

INGLESE

15 h

A446

SPAGNOLO

15 h

C450

METODOLOGIE OPER SERV SOC

3 h

C490

REP LAV ARTI FOTOGRAFICHE

6 h

 

Sono state considerate la richiesta di una classe terza articolata e rispettivamente di una classe quarta e una classe quinta per ciascun indirizzo attualmente attivati. Il monte ore richiesto fa riferimento al 100% del monte ore dei corsi diurni per rendere attuabile la riforma dell’istruzione degli adulti con il superamento delle classi e il passaggio ad una organizzazione per gruppi di livello.

 

Fabbisogno di personale ATA

-        N. 1 Direttore Servizi Generali ed Amministrativi -           N. 5 Assistenti Amministrativi in organico + 18 h.  

-        N. 6 Assistenti Tecnici (3 Grafica, 2 Informatica, 1 Moda)

-        N. 12 Collaboratori scolastici 

Potenziamento dell’organico

In riferimento , a quanto già sottolineato nel capitolo “Priorità, Traguardi ed Obiettivi” tratto dal RAV si evidenzia come la scuola offre un ambiente di apprendimento innovativo, curando gli aspetti organizzativi, metodologici e relazionali del lavoro d'aula e di Istituto

 

La situazione attuale è la seguente:

Gli spazi laboratoriali sono usati da un buon numero di classi. La scuola incentiva l'utilizzo di modalità didattiche innovative. Gli studenti lavorano in gruppi, utilizzano le nuove tecnologie, realizzano ricerche o progetti.L’organizzazione degli  spazi e dei tempi di utilizzo risponde sempre meglio alle esigenze di apprendimento degli studenti, grazie al progetto IPAD che ha permesso di attivare numerose classi di web generation. Gli spazi laboratoriali sono usati da un buon numero di classi. La scuola incentiva dunque l’utilizzo di modalità didattiche innovative, anche con la formazione dei docenti (nuove tecnologie e Organizzazione d'aula). In molte classi gli studenti lavorano in gruppi, utilizzano le nuove tecnologie, realizzano ricerche o progetti. La scuola si propone, quindi, di raggiungere i seguenti

OBIETTIVI DI PROCESSO

  •         potenziamento dell’organico attraverso l’individuazione di una figura docente tutor di informatica, di matematica, di lingua inglese e di L2 
  •         percorsi di formazione per i docenti sulle nuove tecnologie e Organizzazione d’aula
  •         La maggior parte dei docenti utilizza gli strumenti informatici a fini didattici
  •         Tutte le classi possono accedere ai laboratori di PC1 e PC2 o utilizzare aule dotate di apple-tv per una didattica innovativa

 

Organico di potenziamento richiesto

 

                Unità di personale in organico di potenziamento:              7

Classe concorso

di

Ore da prestare

Esonero vicario

Supplenze brevi

Corsi di recupero / potenziamento

Progetti

Ore di utilizzo

A047

 

600

 

369

99

132           

600

A042

 

600

 

402

99

99              

600

A050

 

600

 

336

99

165           

600

A346

 

600

 

405

150

45              

600

A546

 

600

 

402

99

99

600

A007

 

600

 

384

66

150           

600

sostegno

 

600

 

303

132

165

600

TOTALE

 

4.200

 

2601

744

855

4200

 

 

 

Azioni coerenti con il Piano Nazionale Scuola Digitale

 

Il Piano è stato presentato il 30 ottobre scorso e prevede tre grandi linee di attività:

 

  •         miglioramento dotazioni hardware
  •         attività didattiche
  •         formazione insegnanti

 

Ciascuna di queste mette in campo finanziamenti importanti, quasi tutti tramite bando di progetti che le scuole devono presentare. 

Inoltre, con nota 17791 del 19 novembre, è stato disposto che ogni scuola dovrà individuare  un “animatore digitale”, incaricato di promuovere e coordinare le diverse azioni: è stato individuato nel prof. Carlo Gandolfi

La scuola ha partecipato a due bandi per finanziamenti PON: il primo per l'implementazione della rete wifi

Il secondo per la realizzazione di un’aula digitale 3.0, con spazi didattici innovativi e dotazioni informatiche mobili.

Altro obiettivo della scuola è quello di completare la dotazione di strumentazioni informatiche dotando tutte le classi di LIM o in alternativa di videoproiettori e apple TV.

 

                

 

 

Piano di formazione dei docenti e del personale ATA

 

La formazione, come evidenziato dalla Legge 107/2015, oltre ad essere obbligatoria, riveste un ruolo chiave nello sviluppo della professionalità docente, tanto più importante in un momento di rapidi e a volte disorientanti  cambiamenti come l’attuale. Il Kandinsky investe energie e risorse per garantire percorsi significativi di crescita agli insegnanti in servizio presso la scuola, siano essi a tempo indeterminato o determinato. Tali percorsi sono coerenti con il RAV di Istituto e il Piano di miglioramento, che mettono al centro azioni volte a prevenire il disagio giovanile,  favorire l’inclusione e lo sviluppo delle competenze digitali e di cittadinanza. Nello stesso tempo, la dirigenza e  i docenti cercano di cogliere tutte le occasioni (in particolare i bandi di concorso pubblicati dal MIUR) per reperire risorse economiche in modo da poter garantire un ventaglio di proposte formative ampio e di qualità elevata. Inoltre, in coerenza con le indicazioni della riforma (“La nuova formazione permanente dovrà fondarsi – si legge nel rapporto La Buona scuola – sul superamento di approcci formativi a base teorica per assumere un modello incentrato sulla formazione esperienziale tra colleghi”) si cerca di incrementare la metodologia cooperativa di scambio tra pari (vedi sotto).

Pur premettendo che la programmazione richiederà aggiustamenti annuali in base all’eventuale variazione delle esigenze (eventualmente eliminando corsi che sarebbero superflui in caso di obiettivi già raggiunti, e viceversa inserendo corsi rispondenti a bisogni nuovi ad oggi non prevedibili) la formazione si sviluppa lungo i seguenti filoni:

  •         Attivita'  di formazione in materia di tutela della salute e  della  sicurezza  nei luoghi di lavoro (peraltro obbligatoria per legge), per tutto il personale, docente ed ATA. Verranno organizzati anche corsi  rivolti agli studenti inseriti nei percorsi di  alternanza  scuola lavoro. 
  •         Corsi per  lo sviluppo della didattica attiva e per competenze con una forte impronta pratica e laboratoriale, sia pure con alle spalle  una documentata riflessione teorica sul senso e il valore dell’insegnamento. A tale proposito è già stato attuato il corso DaC (Docenti a Confronto) basato su una metodologia cooperativa, di scambio tra pari, guidata da facilitatori reclutati tra colleghi esperti di dinamiche di gruppo. In corso di svolgimento il corso Sakadò sulla didattica per competenze  e la gestione della classe. La scuola ha partecipato, in rete con altri Istituti ed enti, ad un bando del MIUR, con il progetto di un percorso DaC avanzato, che, se otterrà il finanziamento, verrà attivato nel 2017.
  •         Incremento delle competenze nel campo della didattica digitale, aggiornamento necessario per mettere gli insegnanti in grado di utilizzare proficuamente strumenti di grandi potenzialità ad oggi sfruttati solo in modo parziale. Rientrano in questa categoria alcuni corsi già attuati o avviati: ECDL e Apple e un corso di nuova concezione, il Dac digitale, sul modello del DaC (Docenti a Confronto)menzionato nel punto precedente.
  •         Formazione sui BES, nei confronti dei quali il Kandinsky ha da sempre una particolare attenzione. Lo scopo verrà raggiunto anche promuovendo corsi di formazione presso altri istituti o enti. Numerosi  docenti hanno dato la loro adesione al corso Dislessia amica che si terrà online nei primi mesi del 2017. 
  •         Potenziamento ed approfondimento delle competenze e conoscenze disciplinari dei docenti, che restano comunque la base per la qualità dell’insegnamento: in questo campo viene svolta un’azione informativa puntuale e costante sulle possibilità offerte a livello cittadino e nazionale. Un’attenzione particolare sarà riservata, in futuro, alla valutazione.

 

Per una documentazione più dettagliata si rinvia al Piano di formazione 2016-19.

 

Per quanto riguarda il personale amministrativo, si cercherà di partecipare ai corsi e seminari gratuiti organizzati dall’U.S.T. (nuovo regolamento contabilità, modalità di partecipazione a progetti)

Si riserverà  una quota dei fondi destinati alla formazione del personale per l’organizzazione di corsi sulla dematerializzazione dei flussi documentali della scuola e sulla preparazione del manuale per ottenere l’approvazione della Soprintendenza Archivistica per la Lombardia. Con la messa a regime del nuovo protocollo informatico e della tenuta dell’archivio in formato digitale, infatti, si dovranno completamente rivedere le modalità operative del personale amministrativo e delle segreterie.

Sarebbe inoltre opportuno, tenuto conto degli arretrati presenti in segreteria, organizzare, in rete con altre scuole viciniori, dei corsi di formazione sulle ricostruzioni di carriera del personale.

Le figure referenti del primo soccorso e gli addetti antincendio, inoltre, dovranno effettuare l’aggiornamento triennale dei corsi già frequentati. 


Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella cookie policy. Se vuoi saperne di più consulta l’informativa estesa sui cookie. Proseguendo la navigazione, acconsenti all’uso dei cookie.